CONDIVIDI

Share

martedì 21 maggio 2013

No slot : Ludopatia una trappola per tutti





Le macchinette vlt, le cosiddette “video lottery”, evoluzione delle slot-machine presenti nelle sale giochi e sempre più numerose nelle nostre città, pagano al fisco circa il 3 per cento in termini di tassazione fiscale. Sul pane si paga una tassazione del 4 per cento pieno.

La prima volta già a 10 anni

I “demoni”, vale a dire le slot, sono disseminati ovunque: bar, sale giochi, tabaccherie, pub. Se ne trovano persino in una latteria e al distributore di benzina. In tutto fanno 520: una macchinetta ogni 136 abitanti. «Era la primavera del 2005. Entro in un bar. Subito mi attraggono le loro lucine e la nenia incessante che continuano ad emettere. Ne scelgo uno dei due e inizio a infilarci, una dopo l’altra, le prime monete da un euro. Non vinco nulla. Il giorno dopo ci riprovo. Cambio 20 euro in moneta e comincio». Andrea (nome di fantasia), 50 anni, racconta così l'inizio del suo incubo. Potrebbe essere l'incipit di tante altre storie di vite bruciate perché, si sa, nella miseria ogni vicenda si somiglia. Almeno all'inizio. Poi dipende da chi incontri sulla tua strada. «Per me la Provvidenza ha il volto di tutte quelle persone che mi hanno voluto aiutare», continua Andrea. Una di queste è Simone Feder, psicologo, che insieme ad un gruppo di volontari della “Casa del giovane” si occupa del recupero dei giocatori d'azzardo che per lo Stato restano dei fantasmi visto che la ludopatia non è ancora riconosciuta come una dipendenza da curare.

«Non so spiegarmi il primato di Pavia», spiega Feder che ha condotto di recente una ricerca sui minori da cui è emerso che tra i quindicenni, il 15 per cento ha giocato almeno una volta ai video-poker o alle slot. La prima volta è stata tra i 12 e i 14 anni ma l'8 per cento ha affermato di aver giocato prima dei 10. Nell'86 per cento dei casi la somma giocata è inferiore ai 10 euro ma c'è un 14 per cento che spende più di 51 euro. Altro risvolto inquietante: il numero maggiore di ragazzi con un genitore (solitamente il padre) che gioca, presenta altri comportamenti a rischio: il 30 per cento consuma alcol ogni giorno, l'11 fuma e fa uso di droghe leggere. «È come se ci fosse stato un passaggio generazionale», prova a spiegare Feder, «fino a cinque-sei anni fa nei nostri centri d'ascolto arrivavano soprattutto anziani, oggi invece sono quasi tutti giovani e adolescenti. Anche se non mancano, soprattutto tra le donne, quelli della fascia d'età media che va dai 35 ai 55 anni».

Una trappola per tutti

L'azzardo è uno spettro trasversale: divora tutti e non sembra dipendere dalla ricchezza, né da particolari contesti familiari o sociali. E la crisi? «Incide fino a un certo punto», dice Feder, «la motivazione del gioco data dai figli che hanno il padre che lavora o è disoccupato è la stessa: arricchirsi». Le storie, su questo, dicono più delle cifre. C'è la figlia diciottenne di un titolare di una ditta d'idraulica che ha comprato un dispositivo satellitare Gps e lo ha piazzato di nascosto nell'auto del padre per monitorarne gli spostamenti. Quando s'avvicina a una slot machine scatta l'allarme rosso. Fino ad ora, ha dilapidato oltre 50 mila euro. «Alcuni ragazzi sono venuti da me per chiedermi di gestire il conto corrente dei genitori che si stanno rovinando con il gioco», racconta Feder. Poi ci sono adolescenti che per giocare hanno venduto di nascosto dalla madre tutto l'oro di famiglia, altri che i soldi per l'abbonamento dell'autobus lo sperperavano tutto alle macchinette.

Una madre disperata, invece, ha chiesto aiuto per il figlio di 23 anni. La mattina gli accreditavano lo stipendio, la sera, davanti alle macchinette, aveva già speso tutto. «In poche ore bruciava il lavoro di un mese», dice Feder, «ora per fortuna ha accettato di farsi curare». Come l'ex manager di 60 anni che è in comunità dopo aver perso ogni cosa: patrimonio, affetti, dignità. «Non mi spiego come si sia potuto ridurre così», afferma, «c'è un'adrenalina così attraente nel gioco che schiavizza esattamente come le sostanze stupefacenti. Questo, almeno, dicono le neuroscienze. Anche se resta ancora molto lavoro da fare per decifrare la psiche dei giocatori d'azzardo». Sarà. Pirandello nel Fu Mattia Pascal parlava di «certi disgraziati cui la passione del giuoco ha sconvolto il cervello nel modo più singolare: stanno lì a studiare il cosiddetto equilibrio delle probabilità... consultando appunti su vicende de' numeri: vogliono insomma estrarre la logica dal caso, come dire il sangue dalle pietre».

«Le donne sono molto agguerrite»
Come una Las Vegas al rovescio, la Pavia del gioco non si ferma mai. Neanche di notte. Non è raro alle due o alle tre del mattino veder giocare in alcune sale alcune mamme con il bimbo nel passeggino accanto. «Un giocatore su quattro è donna», afferma Feder aprendo uno squarcio su quella che, si presume, sarà la prossima emergenza. «Se in passato le giocatrici erano persone sopra i 60 anni che sperperavano la pensione», dice, «adesso il fenomeno coinvolge anche quelle di mezza età. Quelle dai 35 ai 55 anni sono le più agguerrite».

Istituzioni al contrattacco

 Da qualche mese è partita la campagna dei locali “obiettori” che non hanno macchinette e alla porta hanno affisso il cartello “Questo bar è No slot”. In consiglio comunale si discute di modificare il regolamento di polizia urbana mettendo paletti rigidi contro l'apertura di nuove sale giochi. «Se sui pacchetti di sigarette c’è scritto “Il fumo uccide”, dove si gioca d’azzardo dovrebbe essere scritto “il banco vince sempre”», tuona il sindaco Cattaneo, «e invece siamo bombardati da messaggi che invitano a tentare la fortuna per risolvere i problemi economici: messaggi che fanno enormi danni a disoccupati, giovani, anziani, alle fasce più vulnerabili della popolazione che buttano nel gioco i pochi euro che hanno e sprofondano in un baratro di disperazione». Gli fa eco Feder: «La pubblicità sui giochi è dannosa. Bisognerebbe vietarla per legge».

gruppo su FB
https://it-it.facebook.com/noslotmachine
Questo sito nasce per quelli che pensano che il caffè è più buono se il bar è senza slot! Puoi aiutarci segnalando locali dove è possibile bere un buon caffè senza slot! per avere l' adesivo
http://www.senzaslot.it/

.
scopri l'origine dei semi
 delle
 carte da gioco




leggi anche : http://cipiri3.blogspot.it/2013/04/ludopatia-come-la-tossicodipendenza.html

Ludopatia come la tossicodipendenza


L'altra domenica ho guardato il calcio in tv assieme ai miei figli e ai loro amici. A un certo punto, durante la partita (della Roma), alcuni di loro hanno sfilato dalle tasche certi bigliettini ... continua a leggere

leggi anche : http://cipiri.blogspot.it/2013/02/scandalo-slot-machine.html

Scandalo slot machine


1. Novantotto, cioè 98 miliardi di euro equivalgono a ben 5 manovre economiche. Sono i soldi che alcune concessionarie di slot machine avrebbero dovuto allo Stato secondo la condanna di primo grado. Di quei 98 miliardi lo Stato ne ha recuperato solo 2,5.  Gli altri 95,5 che potrebbero evitare molti tagli e sostenere molti investimenti per la crescita sono stati scontati
2. Prima del 2002 le slot machine (o videopoker, videogiochi) erano illegali e facevano gola alla criminalità organizzata
leggi anche

 BIMBI E SLOT... 


.

.
COSA TI PORTA IL 2017 ?



1 commento:

  1. Siamo in sintonia. Anche altri oggi hanno fatto post sullo stesso argomento.

    RispondiElimina

Aiutiamoci e Facciamo Rete , per contatto ... http://www.cipiri.com/

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

FEED

Subscribe

MI PIACE

Share

Post più popolari

Elenco Blog AMICI

PACE

PACE
PACE

emergency

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/