CONDIVIDI

Share

venerdì 30 novembre 2012

1 dicembre: giornata mondiale per la lotta all' AIDS







Zimbabwe, 9 maggio 2001: nasce Takunda, che in lingua locale significa “Abbiamo vinto”. Takunda è il primo bambino africano nato sano da una mamma sieropositiva, grazie ad una cura farmacologica che riduce la trasmissione del virus dalle mamme ai neonati. Da allora 3.000 bambini hanno beneficiato del progetto.

La campagna  di lotta all’AIDS riguarda la prevenzione del contagio madre-figlio, la cura delle persone già affette e il supporto psicosociale ai malati e agli orfani dell’AIDS.
Il progetto "Fermiamo l'AIDS sul nascere", avviato nel 2001  nel piccolo ospedale Saint Albert in Zimbabwe, è oggi attivo in Congo RD, Uganda, Sudafrica, Kenya e Vietnam per salvare la vita a migliaia di bambini e alle loro mamme sieropositive.
Grazie ad un efficace farmaco somministrato alla mamma e al neonato è possibile curare il bambino, diminuendo drasticamente le probabilità di contagio.

I dati sulla diffusione del virus HIV in Africa e in Asia sono ancora allarmanti.
34 milioni di persone sono state contagiate. Il 67% dei sieropositivi nel mondo vive nell’Africa sub-sahariana.
Esiste una cura efficace per diminuire le probabilità di contagio e salvare la vita a migliaia di bambini e di mamme sieropositive.
Insieme stiamo vincendo l’AIDS in Africa. Non fermiamoci.


IN QUESTA PAGINA TROVI IL BOTTONE DONAZIONI

.



Sono Web Designer, Web Master e Blogger, creo siti internet e blog personalizzati
 a prezzi modici e ben indicizzati. 
Studio e realizzo i vostri banner pubblicitari con foto e clip animate. 
Mi diletto alla creazione di loghi per negozi , aziende, studi professionali,
 campagne di marketing e vendite promozionali.

MIO SITO  :  http://www.cipiri.com/



FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .

MUNDIMAGO


. .
. Bookmark and Share

.

Guadagna leggendo mail



LEGGI TUTTO CLICCANDO QUI

CI SONO DIVERSE DITTE CHE PROPONGONO

DIVERSI MODI PER GUADAGNARE

SIA SENZA BLOG E SENZA SITO

OVVIAMENTE CON UN BLOG/SITO

SI GUADAGNA DI PIU' 




Abbiamo creato un App
per Leggere Le Imago
Poni una Domanda
e Premi il Bottone il
Sito Scegliera' una Risposta a Random
Tra le Carte che Compongono il Mazzo
BUON DIVERTIMENTO
gratis

PER TABLET E PC

LE IMAGO
.

 ANCHE

PER CELLULARE

DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA

FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.

.

IMAGOMUNDI: NATURA : carta numero 17

guarda e leggi ...
IMAGOMUNDI: NATURA : carta numero 17:  Hai raggiunto un livello di armonia con la NATURA , ricordandoci che ,  nonostante l' evoluzione umana  ed il progresso scientifi...

CLICCA SUI BANNER PER SAPERNE DI PIU'
-

.
 .
 .
-

mercoledì 28 novembre 2012

Piazza Tahrir, in 200mila contro Morsi

Piazza Tahrir, in 200mila contro Morsi

Ancora proteste contro il regime dei Fratelli Musulmani: "Monopolizzano lo Stato". Washington: il prestito dell'FMI solo se il Paese sceglie la democrazia.

 - L'Egitto appare sull'orlo di una nuova rivoluzione. Ad un anno e mezzo dalla caduta del regime quarantennale di Hosni Mubarak, oggi piazza Tahrir si riempie di nuovo. Target delle manifestazioni è il presidente Mohammed Morsi, il primo democraticamente eletto nel Paese.

Questa mattina al Cairo sono proseguiti gli scontri, scoppiati la scorsa settimana contro il decreto presidenziale che priva la magistratura e ogni potere dello Stato del diritto di porre il veto su leggi e decisioni emesse dal presidente Morsi. In piazza Tahrir la polizia ha lanciato gas lacrimogeni per disperdere le centinaia di manifestanti riunitisi la scorsa notte per protestare contro il regime dei Fratelli Musulmani: ieri sera erano oltre 200mila gli egiziani nel cuore del Cairo. Gli scontri sono scoppiati vicino alla sede dell'ambasciata statunitense nella capitale, per poi trasferirsi nelle piazza simbolo della rivoluzione egiziana del 2011. Proteste anche a Port Said e nella città di Mahalla, dove rispettivamente 27 e 132 persone sono rimaste ferite. Ma è tutto l'Egitto a sollevarsi: manifestazioni si sono tenute in quasi tutte e 27 e province egiziane.

"La rivoluzione per salvare la rivoluzione", uno degli slogan dei manifestanti, organizzati dalle forze di opposizione. Secondo le fazioni di sinistra e non islamiste, il decreto imposto da Morsi giovedì scorso è un colpo di Stato, che nega l'indipendenza dei poteri dello Stato e accentra le più importanti prerogative nelle mani della sola presidenza.

In breve, i Fratelli Musulmani - la forza leader delle rivolte della Primavera egiziana dello scorso anno, insieme alle opposizioni laiche guidate da El Baradei - sono diventati l'oggetto delle proteste che, nei mesi passati, ribollivano sotto la cenere: da tempo le opposizioni criticano duramente il presidente Morsi e il partito Giustizia e Libertà (braccio politico della Fratellanza) perché starebbero velocemente monopolizzando il Paese.

Morsi si è difeso: il decreto è temporaneo, cesserà il suo effetto dopo l'entrata in vigore della nuova Costituzione. Ma all'Egitto questo non basta: con tali premesse, dall'Assemblea Costituente uscirebbe un testo non indipendente né libero, ma frutto dell'attuale regime politico.

E tra le conseguenze delle proteste c'è anche la rinnovata unità delle opposizioni, per lungo tempo divise. Simbolo della "riconciliazione" è il riavvicinamento tra Mohamed El Baradei, Nobel per la pace ed ex presidente dell'Agenzia Atomica, e Amr Mussa, candidato presidente alle ultime elezioni ed ex capo della Lega Araba.

Intervengono anche gli Stati Uniti che un anno fa, dopo aver abbandonato al suo destino l'ex alleato di ferro Mubarak, plaudirono all'elezione del leader dei Fratelli Musulmani Morsi. Dopo gli stretti contatti tra USA e Egitto durante i negoziati di tregua tra Israele e Hamas, Washington avverte il Cairo: gli aiuti internazionali potrebbero arrivare solo se il Paese sceglie la via democratica.

La portavoce del Dipartimento di Stato americano, Victoria Nuland, ha ricordato il prestito concesso la scorsa settimana all'Egitto dal Fondo Monetario Internazionale, 4,8 miliardi di dollari: "Vogliamo vedere l'Egitto proseguire sulla via delle riforme così che gli aiuti dell'FMI possano sostenere la stabilizzazione e la rivitalizzazione dell'economia, basata sulla legge di mercato". Nena News

 http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=42473
-

. beruby.com - Risparmia acquistando online 
  .
.
 .
 .

-

Οι προτάσεις της Nobigbanks

Οι προτάσεις της Nobigbanks

InGlass-Steagall su novembre 28, 2012 a 9:55 AM - Σταθεροποίηση του δημόσιου χρέους και απαγόρευση στοιχημάτων στα ομόλογα του κράτους.
– ΟΧΙ στα παράγωγα που προκαλεί το δημόσιο χρέος. ΟΧΙ στις αποφάσεις σχετικά με το χρέος των τραπεζών και των διεθνών επικινδύνων αμοιβαίων κεφαλαίων (International hedge funds) .
– Θεωρούμε αναγκαίο το διαχωρισμο μεταξύ επενδυτικών τραπεζών από τις εμπορικές τράπεζες αντί της διάσωσης των τραπεζών καλυμμάτων.
Μέχρι δεκαετίας του ενενήντα, ήταν απαγορευμένο να γίνετε χρήση των καταθέσεων για καθαρά κερδοσκοπικούς σκοπούς, υπήρχε ένα τείχος που διαχώριζε τις επενδυτικές τράπεζες και τις παραδοσιακές εμπορικές τράπεζες που για καθαρά λόγους παροχής πίστωσης.
Στη συνέχεια, γκρέμισαν τα τείχη, ενώνοντας μαζί τραπεζικές, επενδυτικές υπηρεσίες και ασφαλιστικές δραστηριότητες κατά συνέπεια, οι χρηματοοικονομικές εταιρείες (financial holdings) συμμετοχών άρχισαν να δραστηριοποιούνται στον τομέα των παραγώγων, μεταξύ των οποίων κρύβονται πολλές από τις εν λόγω με τίτλους (ομόλογα) κατονομαζόμενες “toxic” και που έχουν καθορίσει σε μεγάλο βαθμό την έκρηξη της πρόσφατης και επώδυνης χρηματοπιστωτικής κρίσης.
Γιατί οι βάσεις μας τοποθετούνται στο διαχωρισμό μεταξύ τραπεζών και τράπεζες καταθέσεων;
1) Το έργο των Τραπεζών:
Ο δανεισμός χρημάτων, όχι η χρηματοδότηση των τυχερών παιχνιδιών στο καζίνο του κόσμου με τις αποταμιεύσεις μας.
Όποιος ζει στην πραγματική (ρεαλιστική) ζωή έχει ανάγκη από το δανεισμό συγκεκριμένων χρηματικών ποσών μέσω της χρηματοδοτικής οικονομίας.
Παλαιότερα η μεσαία τάξη παρήγαγε κερδίζοντας χρηματικά ποσά έχοντας την ικανότητα αποταμίευσης ενός σημαντικού μέρους του εισοδήματος της και δανειζόμενη χρήματα ενδιάμεσο χρηματοπιστωτικών φορέων που όπως τοπικές εμπορικές τράπεζες και συνεταιρισμοί αποταμίευσης ρευστού χρήματος.
Η χρηματιστηριακή αγορά ήταν υπεύθυνη των εκδόσεων νέων μετοχών.
Αλλά ο νόμος της οικονομικής κατάθλιψης (νόμος Glass-Steagall) που διαχωρίζει τις επενδύσεις των τραπεζικών δραστηριοτήτων άλλαξε στη δεκαετία του ενενήντα: κατήργησε το νόμο, μεταγενέστερα, ανοίγοντας μια διέξοδο σε μια σοβαρή διαστρέβλωση, δεδομένου ότι η κύρια λειτουργία του οικονομικού αποθέματος παραμένει πάντα αυτή του να προβεί σε δημοσιονομικά στοιχήματα.
2) Χρηματοδοτούμε την αύξηση και καλυτέρευση του βιοτικού επιπέδου των Ιταλών.
3) Κλείνουμε τον κόσμο του καζίνου και των τυχερών παιχνιδιών! Αυτό το σύστημα, που εδώ και σαράντα χρόνια είναι προσανατολισμένο στην χρηματοπιστωτική κερδοσκοπία, ένα σύστημα που αποτελείται από τα τυχερά παιχνίδια στα οποία και εισφέρετε το επενδυτικό κεφάλαιο και όπου κάποτε ήταν διατιθέμενο σε μεγάλες επιχειρήσεις με μεγάλο επιστημονικό και τεχνολογικό αντίκτυπο στους κλάδους των ιδιωτικών επιχειρήσεων.
4) Πιστεύουμε ότι η πολιτική πρέπει να υπερασπίζετε τα συμφέροντα όλων αδιαφιλονίκητα . Πρέπει να είμαστε πραγματικοί, ενορατικοί και γενναίοι, όλοι γνωρίζουμε ότι η πολιτική φέρει το βάρος μιας συκοφαντικής κατηγορίας: εξυπηρετεί τα συμφέροντα των λίγων μεγάλων ομάδων (κυκλωμάτων) που ενδιαφέρονται για τα προσωπικά τους αγαθά και συμφέροντα. Υπάρχει μια διαδεδομένη δυσφορία που στηρίζεται στην κατανόηση του ότι τα πολιτικά κόμματα δεν αγωνίζονται για τη διεκδίκηση κοινών συμφερόντων όλων των κοινωνικών μαζών εν συνόλου.
Έτσι λοιπόν : θα είναι δυνατόν να πραγματοποιηθούν μεταρρυθμίσεις στις τράπεζες ούτος ώστε οι πολιτικοί να γίνουν υπερασπιστές των συμφερόντων του πληθυσμού; Ή θα πρέπει να δεχθούμε και να υποστούμε την προσταγές (diktat) της επιστολής της ΕΚΤ (Ευρωπαϊκή Κεντρική Τράπεζα); Περικοπές, περικοπές, περικοπές …;
Ο Paul Krugman (Αμερικανός οικονομολόγος και συγγραφέας, βραβευμένος με το Βραβείο Νόμπελ Οικονομικών) έγραψε στην εφημερίδα Sole24Ore ότι “σπάνια, κατά τη διάρκεια της πορείας των ανθρώπινων γεγονότων, τόσοι πολλοί άνθρωποι απασχολήθηκαν τόσο πολύ για να διαπράξουν τόσες μεγάλες ζημιές”.
Ο Paul Krugman λοιπόν κατηγορεί την Ευρωπαϊκή Κεντρική Τράπεζα για το γεγονός ότι αγκαλιάζει με ενθουσιασμό το δόγμα της λιτότητας (austerity): “Αυτοί οι οργανισμοί καλό θα είναι να μπουν στη διαδικασία μιας επανεξέτασης της συνείδησης τους και να διερωτηθούν πώς έκαναν ένα τόσο δραματικό και εμφανές λάθος, παρά να καυχώνται με υπερηφάνεια και σιγουριά ότι είναι οι μοναδικοί διαλαλούντες σοφίας και σωτήρες κροτικών περιουσιών.”
Proposte – PROPOSALS – http://nobigbanks.it/proposte/
*** ***
Facciamo crescere il progetto NOBIGBANKS con un semplice clic.
E’ in corso la raccolta firme per Glass-Steagall, diffondetela tra i vostri contatti: http://www.firmiamo.it/nobigbanks
Chiedete l’amicizia su Facebook al Comitato Nobigbanks
https://www.facebook.com/comitato.nobigbanks

Salviamo la Gente. Riformiamo le Banche.
Diventate fan della pagina Facebook NOBIGBANKS.it
https://www.facebook.com/NOBIGBANKS?ref=hl
Divenite follower su Twitter
https://twitter.com/nobigbanks
twitter: @nobigbanks

-

. beruby.com - Risparmia acquistando online 
  .
.
 .
 .

-

Il software per l'economia domestica - Gratis


Il software per l'economia domestica
Con l'arrivo della crisi  propongo agli utenti questo  programma gratuito 
per il  controllo delle spese domenstiche.
 - 
CAMPAGNA FINITA


DOMANDA
CLIK
E
RISPOSTA
http://www.mundimago.org/
FAI VOLARE LA FANTASIA 
NON FARTI RUBARE IL TEMPO
 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO .
 MUNDIMAGO
http://www.mundimago.org/
.


 GUARDA ANCHE
LA NOSTRA APP
http://mundimago.org/le_imago.html
.


.

martedì 27 novembre 2012

VIDEO: Jimi Hendrix

Jimi Hendrix


Jimi Hendrix, all'anagrafe James Marshall Hendrix (Seattle, 27 novembre 1942 – Kensington, 18 settembre 1970), è stato un chitarrista e cantautore statunitense.
È stato uno dei maggiori innovatori nell'ambito della chitarra elettrica: durante la sua parabola artistica, tanto breve quanto intensa, si è reso precursore di molte strutture e del sound di quelle che sarebbero state le future evoluzioni del rock attraverso un'inedita fusione di blues, rhythm and blues/soul, hard rock, psichedelia e funky.
Secondo la classifica stilata nel 2011, dalla rivista Rolling Stone, è stato il più grande chitarrista di tutti i tempi, precedendo in questa speciale classifica Eric Clapton e Jimmy Page.. .

leggi tutto e guarda i video ...

VIDEO: Jimi Hendrix: Jimi Hendrix, all'anagrafe James Marshall Hendrix (Seattle, 27 novembre 1942 – Kensington, 18 settembre 1970), è stato un chitarrista e c...

-
-beruby.com - Risparmia acquistando online
-
.
 .
 .
-

Arafat: prove di avvelenamento?

Arafat: prove di avvelenamento?

Eseguiti stamani a Ramallah i prelievi. Esperti provenienti da Russia, Francia e Svizzera cercheranno tracce di polonio nei resti umani del presidente palestinese

  - La strana morte di Yasser Arafat, uno dei più grandi misteri del Medio Oriente, potrebbe cominciare ad avere una soluzione a partire da oggi con l'avvenuta esumazione, questa mattina alla Muqata di Ramallah, della salma del presidente palestinese, deceduto in un ospedale francese nel novembre 2004. Un medico palestinese, lontano dai riflettori dei media, ha prelevato campioni di tessuto umani dalla salma, che saranno analizzati da team di specialisti provenienti da Francia, Svizzera e Russia. Un mistero in effetti la morte di Arafat non lo è mai stato per i palestinesi che, un po' tutti, pensano che «Abu Ammar» (il nome di battaglia di Arafat) sia stato avvelenato da collaborazionisti di Israele. Gli esperti - quelli francesi sono stati nominati dopo una denuncia presentata alla Procura di Parigi dalla vedova di Arafat, Suha Tawill - andranno alla caccia di tracce di polonio, una sostanza altamente pericolosa trovata lo scorso agosto su indumenti ed oggetti appartenuti al leader palestinese.

La riesumazione della salma di Arafat giunge mentre un alto esponente dell'establishment israeliano, il ministro della difesa Ehud Barak, che nel 2000 legò il suo nome a quello del presidente palestinese scomparso, ha annunciato il suo inatteso abbandono della politica. Barak, in qualità di primo ministro laburista, fu protagonista 12 anni fa del drammatico fallimento a Camp David (era presidente americano Bill Clinton) delle trattative per quella che a quel tempo era nota come la «soluzione definitiva» del conflitto israelo-palestinese, sulla base degli Accordi di pace di Oslo, firmati sette anni prima alla Casa Bianca.

L'ex premier israeliano ordinò una dura repressione della seconda Intifada palestinese nei pochi mesi nei quali rimase ancora al potere fino alla pesante confitta elettorale che, all'inizio del 2001, vide l'ascesa della destra di Ariel Sharon. L'improvvisa uscita dalla scena politica di Barak - frutto anche di contrasti personali con il premier Netanyahu - apre la strada, con ogni probabilità, alla nomina a ministro della difesa dell'attuale ministro degli esteri Lieberman. Dopo le legislative israeliane del prossimo 22 gennaio Netanyahu sarà ancora primo ministro (lo dicono tutti i sondaggi) di un governo «di guerra» (all'Iran). Lieberman, un ultranazionalista di destra, da parte sua non nasconde di volere la difesa in vista dell'attacco israeliano alle centrali atomiche iraniane di cui si parla da mesi se non da anni. Netanyahu quindi potrebbe optare per un ministro degli esteri con una immagine più moderata da spendere all'estero.

Intanto, a pochi giorni dalla fine dell'offensiva militare israeliana "Colonna di Difesa" contro Gaza, il movimento islamico Hamas sembra spaccarsi sulla richiesta di adesione dello Stato di Palestina (come non membro-osservatore) che il 29 novembre il presidente dell'Olp e dell'Anp Abu Mazen presenterà all'Onu. Se da un lato il leader uscente, Khaled Meshaal, si dice favorevole all'iniziativa, dall'altro non pochi dei dirigenti di Hamas a Gaza, tra i quali il premier Ismail Haniyeh, si dichiarano contrari. La frattura sulla questione dello Stato segue i passi mossi nei giorni scorsi dal partito di Abu Mazen, Fatah, e dal movimento islamista verso una possibile riconciliazione nazionale, con l'annuncio della scarcerazione di prigionieri politici da entrambe le parti.

 di Michele Giorgio

http://nena-news.globalist.it/Detail_News_Display?ID=42315
-

. beruby.com - Risparmia acquistando online
.
.
 .
 .

-

ILVA : la realtà del ricatto tra malattia e lavoro


Chiude Ilva Taranto, sciopero e tensione. Occupati gli uffici, Clini: 'Decreto giovedì'

Accertamenti Gdf a Bari e Roma su vecchia Aia. Sciopero proclamato da Fim, Fiom e Uilm. A Genova tolto blocco operai autostrada. Cancellieri, ordine pubblico a rischio


La realtà, la terribile realtà del ricatto tra malattia e lavoro, si riprende la scena dopo il reality democratico. Un dramma che esplode in mezzo alla densa melassa di fuffa e che mostra la noncuranza della politica verso i più basilari fondamenti della civiltà del lavoro, la sua subalternità verso i padroni delle ferriere, espressione mai tanto appropriata. E ha poca importanza che qualche protagonista delle primarie sia direttamente coinvolto: sono almeno vent'anni che tutta la politica è implicata e compromessa dentro una trama attenta al privilegio e dimentica della società nel suo insieme.
Ed è così che si è arrivati a questa realtà in cui si scopre che sono i Riva a voler chiudere, che sono interessati a tenere aperto solo se possono ignorare i fumi di morte che l'Ilva sprigiona. Ma l'arroganza e la sfrontatezza con cui mettono la spada di Brenno sulla bilancia di un potere politico gregario e convinto di doverlo essere, è stata loro permessa, concessa, persino spronata con non voler vedere, con l'aggiustare i limiti dei veleni, cedendo a un ricatto continuo che si è consumato nella totale assenza di visione sul lavoro  e volta, almeno nell'ultimo decennio, a recuperare sulla pelle degli operai e dei precari quei margini di competitività perduta con la moneta sovrana. Un servizio a cui si sono piegate in qualche caso entusiasticamente le famose "parti sociali".
Così accade che le stesse persone che ci chiedono di mourir pour l'Europe, sono gli stessi che avallano il metodo Bopal fregandosene delle relazioni industriali in vigore nel continente. Siamo europei solo quando fa comodo. E la cosa è stata evidente con la strage della Tyssen Krupp che avvenne per la mancanza di elementari misure di sicurezza che la stessa azienda non si sogna nemmeno di far mancare nei suoi stabilimenti tedeschi. L'applauso di Confindustria agli assassini delegati, insieme al silenzio della politica ha fornito un quadro significativo della situazione, lo scenario nel quale si è inserito il marchionnismo dal volto umano.
Perché loro vivono di chiacchiere, ma c'è chi ne muore.

leggi anche http://cipiri5.blogspot.it/2012/11/mai-piu-thyssenkrupp-processo-dappello.html

processo d'Appello

Mercoledì 28 novembre presso il Tribunale di Torino ha inizio il processo d'Appello ThyssenKrupp in seguito al ricorso presentato dai 6 imputati contro le condanne, da 10 a 16 anni, inflitte in primo grado per il rogo del 6 dicembre 2007 in cui persero la vita 7 compagni di lavoro.

L'impianto del ricorso si basa sul fatto che la morte dei nostri compagni di lavoro non è imputabile a mancanze o colpevolezze aziendali, peraltro ampiamente dimostrate in aula, ma alla distrazione dei ragazzi: un'accusa ignobile detta da chi,..

leggi anche : http://cipiri5.blogspot.it/2012/11/il-disastro-di-bhopal.html

Bhopal

Resti dello stabilimento di Bhopal


Il disastro di Bhopal è avvenuto nel 1984 nella città indiana di Bhopal a causa della fuoriuscita di 40 tonnellate di isocianato di metile (MIC), dallo stabilimento della Union Carbide India Limited (UCIL), consociata della multinazionale americana Union Carbide specializzata nella produzione di pesticidi.
-

. beruby.com - Risparmia acquistando online 

  .
.
 .
 .

-

Babylon Traduttore



.


#mundimago : PREVISIONI 2015

.

Carta del Gioco

 delle 


.
. Bookmark and Share

.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

FEED

Subscribe

MI PIACE

Share

Post più popolari

Elenco Blog AMICI

  • Perché l'olio di palma fa male - Leggere tra gli ingredienti di un alimento confezionato il nome di un olio vegetale rassicura e lascia che l'assonanza vegetale-naturale-salutare faccia ...
    1 settimana fa
  • Meglio https per il Tuo Url - *ATTENZIONE! * *Mentre sei su FB, guarda il tuo indirizzo URL in alto. * *Se vedi "http:"invece di "https:" allora tu NON hai una sessione protetta e può ...
    1 settimana fa
  • ESOPIANETI - L’annuncio della scoperta degli esopianeti è una delle notizie scientifiche più importanti degli ultimi anni. I sette nuovi esopianeti, con dimensioni p...
    3 settimane fa
  • REDDITO di INCLUSIONE - *REDDITO di INCLUSIONE: * *CHE COSA E’ e a CHI SPETTA* *Approvata una misura di sostegno alle famiglie sotto la soglia* *di povertà. A ciascun nucleo aven...
    3 settimane fa
  • Festa del Papà - *Per la Festa del Papà ,* *Fai un Regalo Intelligente,* *un Cofanetto di Legno che contiene* * il Mazzo di Nuovissime Carte Imago ,* *un Gioco Ludico ed in...
    5 settimane fa
  • 8 Marzo : Giornata Internazionale dell’Operaia - *Donne in sciopero, dentro e fuori le mura domestiche* *Sarà un gran giorno, l’8 marzo 2017. Sulla base dello slogan “Se la mia vita non vale, io sciope...
    1 mese fa
  • M'illumino di meno 2017 - Il 24 febbraio 2017 torna M’illumino di Meno, tredicesima edizione. Caterpillar è in diretta dalle 18.00 alle 20.00 - RADIO RAI2 per seguire gli spegniment...
    2 mesi fa

PACE

PACE
PACE

emergency

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/