CONDIVIDI

Share

sabato 28 febbraio 2009

BIOCARBURANTI: NUOVA FRONTIERA


.
Le fonti di energia alternativa al petrolio e i suoi derivati. Il disastro ambientale: una strage globale annunciata, perché pianificata spietatamente dalle multinazionali.
.
Tutti sappiamo che l’inquinamento fa male. Ma non tutti danno la stessa valutazione della gravità degli effetti dell’inquinamento. Se chiediamo alla gente per strada: "Qual è la minaccia più grave per la nostra società?", molti risponderanno l’emergenza droga, gli immigrati, la disoccupazione... Anche se la coscienza ambientalista ha fatto in questi anni passi da gigante, non molti si rendono conto della situazione. In particolare è poco sentito il problema del danno costituito dal sistema auto-velocità-carburanti tossici. E non è un caso, visto che per decenni le multinazionali dell’auto hanno investito miliardi in una vera e propria campagna di disinformazione. Solo recentemente la Ford ha smesso di finanziare la fondazione che aveva proprio lo scopo di togliere credibilità agli scienziati che sostenevano l’esistenza di un nesso tra effetto serra, danni al clima e sistema dell’auto, arrivando persino a negare che siamo di fronte a un drammatico cambiamento del clima. L’esempio della Ford è stato seguito dalle altre maggiori case automobilistiche americane. Non solo: l’Oms francese ha cambiato i criteri di elaborazione dei dati sulle cause di morte e ne è risultato che l’inquinamento, in particolare l’uso di benzina e gasolio, è la prima causa di morte in quel paese. Contemporaneamente la Ford e la Mercedes si stanno buttando sul motore a idrogeno e la Daewoo mette sul mercato l’auto elettrica (ma solo in Giappone).
.

venerdì 27 febbraio 2009

Brasile: favela con connessione wi-fi gratuita




.
- RIO DE JANEIRO, 25 FEB - Il Morro Dona Marta, a Rio de Janeiro, e' diventato in questi giorni la prima baraccopoli al mondo dotata di connessione wi-fi. Sedici antenne di diffusione radio del segnale web a banda larga sono state piazzate da ingegneri del comune, e finanziate dal progetto di 'Inclusione digitale' del governo dello stato di Rio de Janeiro. I 170 mila abitanti della favela potranno cosi' connettersi gratuitamente al web. Il programma sara' esteso quest'anno ad altre quattro favelas.
.
X 4 ANNI MILANO HA SUBITO IL DISAGIO , MARCIAPIEDI BUCATI X CABLAGGIO FIBRA OTTICA ,
A LAVORI FINITI IL NOSTRO SINDACO HA PENSATO BENE DI VENDERE LA RETE AI PRIVATI X 30 DENARI , ED I CITTADINI CHE HANNO SUBITO IL DISAGIO .................... DEVONO PAGARE , C'ERA UN PROGETTO CON ANTENNE WIRELESS SOPRA OGNI SEMAFORO , MA KI L'HA VISTO ....................?
.

giovedì 26 febbraio 2009

VIGILANZA RAI

TOTO' IN VIGILANZA RAI , FATE GIRARE LA NOTIZIA .......


.
VIGILANTE DI SE STESSO .......... DALLA GALERA........
.

ORA E' IN GALERA .

Carnevale di Rio: più preservativi per tutti





.

“Prevenire è meglio che curare”. Soprattutto durante il Carnevale, festa simbolo per un paese con quasi 200 milioni di abitanti come il Brasile. E così ecco arrivare ben 20 milioni di preservativi. Saranno distribuiti da oggi fino ai primi di febbraio quando feste, sfilate e balli saranno finiti, grazie all’intervento del Ministero della Sanità del governo Lula e del suo ministro José Gomes Temporão. In omaggio anche un numero imprecisato di pillole del giorno dopo. Obiettivo porre un freno alla diffusione delle malattie sessualmente trasmissibili, prime fra tutte l’Aids, il cui virus ha già infettato 600mila brasiliani.

“La società deve essere consapevole dell’importanza della prevenzione”, ha detto Temporão, definendo “strategici” i milioni di condom che il governo Lula ha distribuito gratuitamente per il Carnevale. Ma, come era già accaduto durante la visita di Benedetto XVI a San Paolo, lo scorso maggio, il ministro della Salute è entrato in rotta di collisione con alcune autorità della Chiesa cattolica. All’epoca le critiche a Temporão arrivarono perché il ministro aveva definito la legislazione esistente in Brasile sull’aborto “restrittiva”, spiegando che non si possono “prescrivere dogmi e precetti di una determinata religione a tutta la società”. Oggi, i 20 milioni di preservativi del Carnevale, cui si aggiunge la distribuzione in farmacia della pillola del giorno dopo, hanno addirittura portato la diocesi di Recife a minacciare di citare in tribunale il ministero della salute dello stato del Pernambuco, tra i più poveri del Paese. Temporão ha replicato definendo “deplorevole” l’atteggiamento della Chiesa cattolica. Al di là delle polemiche, comunque, quel che è certo è che anche quando il Carnevale lascerà il passo alla Quaresima la politica di pianificazione familiare del governo brasiliano non intende fermarsi e proseguirà, tra gli elogi delle Nazioni Unite e le critiche della Chiesa cattolica.
.

mercoledì 25 febbraio 2009

INTERCETTAZIONI - SKYPE -

.
L'Eu pensa alle intercettazioni su Skype
Sempre più criminalità organizzata approfitta dei nuovi modi per telefonare



Eurojust, l’agenzia europa per il coordinamento delle indagini giudiziarie tra gli Stati dell’Unione, ha annunciato l’apertura di una indagine che coinvolge tutte le nazioni appartenenti all’Eu, a tema Skype.

Parrebbe infatti che in certe condizioni sia possibile parlare attraverso il popolare sistema di audiochat e chiamata telefonica senza alcun rischio di essere intercettati e che ciò abbia incoraggiato molta criminalità organizzata a sposare la nuova tecnologia per mantenere i contatti ed evitare la sorveglianza delle forze dell’ordine.

Un altro problema è la mancanza di coordinamento tra Stati Uniti e Unione europea, per cui spesso è difficile ottenere l’intercettazione di una certa linea su entrambe le sponde dell’Atlantico.

L’indagine di Eurojust è coordinata dal rappresentante italiano, Carmen Manfredda.

Mentre Skype ribadisce di avere collaborato con tutti gli enti preposti in tutte le maniere possibili, Eurojust sta definendo i tempi di una prima riunione per raggiungere un’intesa transnazionale su quella che potrebbe diventare un’indagine di dimensioni mai toccate prima, per la prima volta sulle linee di Skype e delle altre tecnologie VoIp per telefonare tramite Internet.
.

martedì 24 febbraio 2009

STUPRI ( ci raccontano frottole )


.

.ROMA - Gli autori delle violenze sessuali sono italiani in più di sei casi su dieci. E' il dato reso noto dal Viminale durante un convegno dedicato alla violenza sulle donne, che si è tenuto oggi a Roma. Il ministero dell'Interno ha detto che gli autori di stupro sono di nazionalità italiana nel 60,9% casi. Solo il 7,8% dei violentatori, invece, è romeno, mentre il 6,3% è marocchino. Il ministero precisa poi che le vittime sono donne nella gran parte dei casi (85,3%) e che nel 68,9% dei casi sono di nazionalità italiana.

I numeri sono nazionali, ma ci sono anche dati relativi alle singole zone e città. "Vicino Roma il dato cambia", ha sottolineato il capo di gabinetto delle Pari opportunità, Simonetta Matone. Rimane la prevalenza degli italiani, ma nei dintorni della capitale la percentuale scende "al 48%", mentre quella dei romeni "sale al 28%".

Dalle informazioni a disposizione del Viminale si evidenzia anche che a Milano, ad esempio, le violenze sessuali sono diminuite nel triennio 2006-2008: si passa dai 526 episodi del 2006 ai 480 del 2008. Anche qui però prevalgono gli italiani tra gli autori del reato: nel 41% dei casi denunciati il responsabile è cittadino italiano, nell'11% romeno, nell'8% egiziano e nel 7% marocchino.

A Bologna il fenomeno ha fatto registrare un netto calo, passando da 179 episodi nel 2006 a 139 nel 2008. Con rifeimento alla nazionalità degli autori, risultano nel 47% dei casi italiani, nell11% dei casi marocchini e nel 10 % romeni.

Matone ha annunciato che il governo si appresta a lanciare il piano nazionale anti-stupri, con una serie di interventi nelle scuole e "corsi di formazione di base per tutti i corpi delle forze dell'ordine, polizia, carabinieri e guardie di finanza, destinati a trattare la violenza sessuale e quella in famiglia".

(da repubblica.it, 24/02/2009)
.

ITA - FRA ( NUCLEARE )




.
© APCOM
Roma, 24 feb. (Apcom) - Siglato a villa Madama l'accordo di cooperazione italo-francese sul nucleare. Nell'ambito dell'intesa, firmata dal presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi e dal presidente francese Nicolas Sarkozy, si prevede la realizzazione di almeno quattro centrali di terza generazione nel territorio italiano.
.
che fine ha fatto il referendum del 1987 contro il nucleare? non è valso a niente? la gente non dice nulla?

In ITALIA non funziona nulla figuriamoci 4 CENTRALI NUCLEARI ..............

SI MANGERANNO I SOLDI PRIMA E DOPO .

IN ITALIA SI POTREBBE VIVERE DI SOLE E TURISMO ...........

.

lunedì 23 febbraio 2009

LUCA ROSSI

.


.

Ventidue per Luca
Desiderio di un mondo giusto: la forza di un sogno




23 febbraio 1986: la storia di Luca
Siamo sul finire di febbraio, il 23 febbraio dell’anno 1986, in una piazza della Bovisa, Milano. è sera, Luca e Dario, giovani militanti e studenti universitari, non ancora vent’anni, stanno correndo per prendere la filovia in Piazzale Lugano.
Hanno l’ennesimo appuntamento, stavolta con un amico, e insieme tante cose da intraprendere, da dire, da realizzare nella città.
La passione e la vita, la dolcezza e la lotta glielo consentono.
In comune hanno anche lo stesso desiderio: capire come va questo maledetto mondo, quindi osservarlo, studiarlo, frequentarlo e non da ultimo cambiarlo alla radice affinché smetta di essere minaccioso e ingiusto e diventi un luogo ospitale e accogliente per tutti gli esseri viventi, umani inclusi.
L’ideale dei vent’anni è generoso, testardo, senza paura; è il sogno più bello che vorrebbe occupare le strade, l’affermazione entusiasta del possibile, la corrente calda che attraversa la città di ghiaccio e non dimentica gli impegni presi.
E il reale? Il reale non sogna mai, se ci prova genera incubi.
Poco distante, in un altro punto della stessa piazza, alcune persone discutono animatamente, scoppia una rissa. Xyz, 27 anni, in forza alla Digos, fuori servizio, estratta la sua pistola d’ordinanza e piegate leggermente le ginocchia in posizione di tiro punta e spara.
Due colpi lacerano l’aria: una traiettoria dall’esito micidiale collega il reale all’ideale. Improvvisamente Luca è a terra ferito a morte.
Uno dei proiettili lo ha raggiunto al fianco di rimbalzo.
La sua vita è straziata: morirà durante la notte, in ospedale.


.

domenica 22 febbraio 2009

UNA FRASE DI CHAPLIN

.


.
Le macchine che danno l’abbondanza ci hanno lasciati nel bisogno,
la nostra sapienza ci ha reso cinici,
l’intelligenza duri e spietati.
Pensiamo troppo e sentiamo troppo poco.
Più che di macchine, l’uomo ha bisogno di umanità.
Più che intelligenza, abbiamo bisogno di dolcezza e bontà.
Senza queste doti la vita sarà violenta e tutto andrà perduto.
.
( CHARLIE CHAPLIN )
.
come non ricordare
il suo tempi moderni......le macchine dovrebbero rendere la vita più semplice....invece hanno disumanizzato il mondo...l’imperativo è correre e produrre....il lavoro è cambiato ...la legge del profitto sta togliendo diritti sacrosanti ai lavoratori....c’ è da chiedersi quando il meccanismo imploderà cosa sarà di noi....abbiamo più merce di quanta se ne possa comperare....ci manca il tempo per godere un tramonto...per sorridere al vicino di casa...

Un passo indietro è indispensabile....

.

sabato 21 febbraio 2009

STREET ART



.


.


.
[street art]

ivan libero



Il futuro non è più quello di una volta...e neppure le polemiche



Il vicesindaco di Milano è riuscito a polemizzare perfino con Ivan, poeta di strada. Artista riconosciuto e ospitato in questo periodo allo Spazio Oberdan di Milano per la mostra “Poesia viva”, Ivan secondo De Corato starebbe bene in galera come imbrattatore di muri, proprio come prevede la legge voluta dalla destra attualmente in discussione al Senato.



Radio Popolare-Popolare Network vuole invece Ivan libero per poter proseguire un progetto in comune: liberare lungo l’Adda mille barchette (di carta biodegradabile!) con altrettante poesie scritte da migranti. I componimenti poetici supereranno così il vecchio confine Lombardo-Veneto e tutti gli altri confini – veri o mentali - che incontreranno. Segnatevi la data: martedì 24 febbraio, verso le 14, all’altezza del Villaggio operaio di Crespi d’Adda. Un varo che sarà seguito in diretta all’interno della trasmissione Jalla Jalla.

.

venerdì 20 febbraio 2009

SCIONO STATO FRAINTESO silvio

.


.
NON E' POSSIBILE KE UN UOMO KE RAPPRESENTA IL POPOLO ITALIANO SPROLOQUI IN TUTTI I CAMPI POSSIBILI X PORTARE L'ACQUA AL SUO MULINO
NON E' POSSIBILE KE : UNA PERSONA KE KURA LA SUA IMMAGINE , LE PAROLE , ECC ....
.......DICA CERTE FRASI PER SMENTIRLE IL GIORNO DOPO ..........
INTANTO MOLTI CI RIDONO SOPRA ( PAGATI? )
INTANTO PASSANO E KI NON CONOSCE LA STORIA CI KREDE .......
...............................................
ECCO UN ESEMPIO DI COME PARLEREBBE LA SUA VERA COSCIENZA

.

.

. -

.
 .
 .

. .

LEONARDO DA VINCI

.

.


Sarà esposto al pubblico dal prossimo 28 marzo
Scoperto ritratto sconosciuto di Leonardo in Basilicata
L'opera, ritrovata nel palazzo di una famiglia aristocratica meridionale che per ora ha richiesto l'anonimato, è stata affidata al professor Aklessandro Vezzosi, uno dei massimi esperti dell'artista rinascimentale .


Firenze, 18 feb. - (Adnkronos) - Uno sconosciuto ''Ritratto'' di Leonardo da Vinci (1452-1519), databile al XVI secolo, e' stato scoperto in Lucania, ad Acerenza, piccolo comune in provincia di Potenza. Autore del ritrovamento e' Nicola Barbatelli, studioso di storia medievale, che si e' imbattuto in un inedito ritratto raffigurante Leonardo, un olio su tavola di cm 60x44, facendo ricerche all'interno di un palazzo di proprieta' di una famiglia aristocratica meridionale che per ora ha richiesto l'anonimato. La tavola mostra il volto e il busto di Leonardo di tre quarti, con un cappello in testa.

L'eccezionale scoperta avvenuta in Basilicata ha fatto parlare anche di un autoritratto leonardiano oppure di un'opera di Cristofano dell'Altissimo, autore di un ''Profilo di Leonardo'' che si conserva agli Uffizi. Ma per ora niente e' certo, poiche' c'e' bisogno di esami scientifici puntuali per accertarne la datazione e l'eventuale autore.

Cosi' il nuovo ''Ritratto'' di Leonardo e' stato affidato, per essere studiato ed esposto, al professore Alessandro Vezzosi, direttore del Museo Ideale Leonardo Da Vinci di Vinci (Firenze), uno dei massimi esperti mondiali dell'artista-scienziato del Rinascimento, che dal 1980 compie ricerche sul tema dei ritratti leonardiani e giungendo a molte riscoperte.

Vezzosi ha annunciato che sono gia' in corso le analisi storico-artistiche e presto prenderanno avvio le indagini scientifiche sul dipinto, che raffigura Leonardo di tre quarti e con il cappello, come il cosiddetto ''Autoritratto'' degli Uffizi, considerato tale per due secoli, fino a quando, nel 1938, una radiografia ne smenti' definitivamente l'autografia leonardiana. A parere di Vezzosi si tratta, per esempio, di accertare se il ''Ritratto'' lucano sia precedente o successivo a quello conservato nel museo di Firenze (un olio su tavola di cm 73x58).
.


Rinviando la presentazione nel Museo Ideale di Leonardo a Vinci (momentaneamente chiuso al pubblico a causa di infiltrazioni d'acqua da strutture soprastanti), Vezzosi ha precisato che e' stata programmata una mostra dell'inedito ritratto per l'interessamento del sindaco di Vaglio di Basilicata, Giuseppe Musacchio, con la partecipazione degli enti Locali e delle istituzioni culturali della regione. L'esposizione avra' luogo nel Museo delle Antiche Genti di Lucania, aperto a Vaglio di Basilicata (in provincia di Potenza) dal 2006.

La mostra intitolata ''I ritratti di Leonardo. Una tavola scoperta in Lucania e una sezione del Museo Ideale Leonardo Da Vinci'' sara' inaugurata in tempi brevissimi, il prossimo 28 marzo, anche per dare spazio ad altre ricerche in corso da parte dell'equipe del professor Vezzosi.

''Il ritratto scoperto nelle scorse settimane in Lucania - ha dichiarato Vezzosi all'ADNKRONOS - e' molto interessante in se' e significativo come nuovo elemento di un mosaico ancora incompiuto per ricostruire le sembianze del volto di Leonardo. Ed e' importante in quanto introduce nuove ricerche concernenti Leonardo perduto, le sue tracce e gli echi leonardeschi nell'Italia meridionale. E' inoltre misterioso poiche' se ne devono ancora accertare la datazione e la piu' antica provenienza, ed e' difficile individuarne l'autore; per tutto cio' e' un tema da affrontare, avvincente per l'attualita' e le piu' diverse implicazioni culturali, da quelle storico-artistiche alle nuove tecnologie, fino al contesto del ritrovamento''.

per altre notizie visitate questo blog : LEONARDO DA VINCI
. -

.
 .
 .

-

mercoledì 18 febbraio 2009

GIORDANO BRUNO

.

.

Ricorre oggi l'anniversario della messa a morte del filosofo Giordano Bruno in Campo dei Fiori a Roma.
Questo post non è solo un modo per ricordare le nefandezze compiute dalla Chiesa Cattolica in nome di un dio sanguinario e carnefice, ma anche per dare merito ad un filosofo al cui pensiero sono molto vicina.
 Ciò che mi affascina di più di Bruno è la sua idea di Dio, il suo panteismo e il suo idealismo neoplatonico.
Anche io credo che Dio sia ovunque e che si manifesti nella natura e in tutto ciò che è e che esiste.
Per questo credo che che dobbiamo nutrire un profondo rispetto per ogni forma di vita, per ogni diversità, perché essa, come noi, rappresenta una emanazione divina. Danneggiare un altro essere vivente, oppure qualsiasi altra cosa faccia parte del mondo e della natura, equivale ad offendere seriamente Dio.

Oltre alla sua impeccabile visione del mondo e di Dio, Bruno ci ha lasciato in eredità un esempio di grande coraggio e coerenza.
Egli preferì morire piuttosto che abdicare le proprie idee.
Giordano Bruno è un grande che merita di essere ricordato costantemente come monito per coloro, che credendosi portatori dell'unica verità assoluta, si sentono in diritto di distruggere ciò che è diverso da loro. Tutto ciò che è diverso è Dio, esattamente come tutto ciò che è uguale!
.
Teatro Ciak Webank.it c/o Fabbrica del Vapore
a MILANO zona 'Monumentale'.
.
CORRADO AUGIAS in LE FIAMME E LA RAGIONE

presentato da Promo Music

Noto giornalista e uomo di cultura, scrittore, autore e presentatore televisivo Corrado Augias in questo spettacolo, tratto dal suo ultimo saggio, propone una delle pagine più tragiche del pensiero scientifico e culturale del nostro Paese, la vicenda del frate domenicano, scrittore e filosofo Giordano Bruno, uno dei massimi geni della storia della cultura occidentale, condannato al rogo dalla Chiesa nel 1600. Ad oltre 400 anni da quegli accadimenti, ascoltare il pensiero di Giordano Bruno attraverso le parole di un Augias, diventa un importante momento di riflessione per atei, agnostici e cattolici sui rispettivi compiti da assolvere in uno stato laico. Un’occasione di teatro civile preziosa, che tratta del sempre attuale tema della libertà di pensiero e del ruolo delle religioni.

 LEGGI ANCHE : http://cipiri21.blogspot.it/2012/02/giordano-bruno-aveva-delle-capacita.html

-
.

Sono Web Designer, Web Master e Blogger : 
realizzo pagine internet leggere e responsive ,  
creo loghi , e curo i brevetti dai 
biglietti da visita alla insegna luminosa , 
realizzo banner e clip animate per pubblicizzare il vostro sito ,
 contattatemi e sarete on line entro 24 ore. 

Mi trovi QUI 
  http://www.cipiri.com/


 I TUOI SOGNI DIVENTANO REALTA'
 OGNI DESIDERIO SARA' REALIZZATO 
IL TUO FUTURO E' ADESSO 
entra in
MUNDIMAGO


. .

lunedì 16 febbraio 2009

IL BASTONE E LA CAROTA ( metafora, storiella )


.
C’è una storia classica e ben conosciuta, di un contadino il cui asino si rifiutava di tirare un pesante carretto. Il contadino risolse il problema attaccando un bastone alla testa dell’asino e appendendo una carota all’estremità di quel bastone. L’asino si sforzò con tanta energia, ma senza mai riuscirci, di raggiungere la carota. Non notò neppure il carretto che nel frattempo si trascinava dietro, con il suo pesante carico...
.
LA TV' E' LA NOSTRA CAROTA ...................

.
SE SEGUI LA TV' NON TI RIPIGLI PIU'...........

LA TIVU' E' UN ELETTRODOMESTICO E VA USATO COME LA LAVATRICE O L' ASPIRAPOLVERE , SOLO QUANDO SERVE ,,,
..

Emilia Romagna arte e magia : 'Il diavolo e l'acqua santa'

.


.
Forli'-Cesena - Arte, magia e suggestione in mostra a Sarsinia con "Il Diavolo e l'AcquaSanta - Tarocchi fantastici". Al Museo Archeologico Nazionale di Sarsina (Fc), fino al 31 maggio, ventidue artisti interpretano gli Arcani Maggiori dei Tarocchi, sotto l'egida di un decano d'eccezione, l'architetto-scultore Ilario Fioravanti. "Il Tarocco e' un camaleonte. [...] Ciascun arcano, essendo uno specchio e una verita' di per se', si tramuta in quello che tu ci vedi dentro". E' tutto in questa frase, estrapolata da un saggio di Alejandro Jodorowsky, regista e scrittore cileno, coinvolto in questo progetto, il senso della mostra.

Ventidue diverse personalita' che, attraverso il linguaggio della pittura e della scultura, si sono fatti "... medium verso una visione misterica, alchemica, indefinibile, presa nella ruota del tempo, per convertire in mille modi il caos in cosmos, il relativo in assoluto", come suggerisce Marisa Zattini, curatrice della mostra insieme al direttore dei Musei Vaticani Antonio Paolucci.

Arte e magia, suggestioni ed esoterismo si fondono insieme in una mostra e in un luogo, Sarsina, che per le sue origini ben si presta ad ospitare un evento di questo genere. La patria di Tito Maccio Plauto, cittadina del primo Appennino romagnolo, e' infatti nota per la figura di San Vicinio, Protovescovo esorcista venerato perche' la sua intercessione presso il Signore poteva guarire da mali dell'anima derivanti da possessioni demoniache: la Cattedrale di Sarsina, dedicata a San Vicinio, festeggia quest'anno il Giubileo. A guidare i 22 maestri dei Tarocchi, lo scultore Ilario Fioravanti, che si e' misurato con le carte degli Arcani Maggiori.

A lui e' stata affidata la realizzazione di tutti e ventidue i Tarocchi, che tra le sue mani sono diventati 22 formelle in terracotta ingobbiata, che propongono una riflessione raffinata e sapiente sul segreto dei Segni. A questi si aggiungono 3 tarocchi ideali, che l'artista ha realizzato secondo la sua personale poetica.

Si tratta dell'"Arcano 000", l'"Arcano Supremo", che vede uniti il maschile e il femminile, l'uomo e la donna, in un cammino paritetico nel viaggio della vita. E dei due "Arcani 00", uno monocromo e uno a campiture policrome, che aprono e chiudono il viaggio ideale nel fantastico universo dei tarocchi. Sua anche l'opera scultorea "L'Ossesso", bronzo a tutto tondo, icona ideale del progetto, che raffigura un uomo dalla cui bocca fuoriescono sette diavoli muniti di zampe e corna.

.

Darwin Day: il bicentenario della nascita di Charles Darwin



.

Il 12 Febbraio 2009 e’ stata la ricorrenza del bicentenario della nascita - 12 febbraio 1809 - dello scienziato Charles Darwin che fu come tutti i grandi uomini liberi e pensatori fortemente osteggiato dalla dottrina della Chiesa.


IN PRINCIPIO ERA DARWIN
Il 27 dicembre 1831 il brigantino Beagle salpo’ dall’Inghilterra con un passeggero d’eccezione, il giovane Charles Darwin, per un giro del mondo che duro’ cinque anni. Al suo ritorno le risultanze di quel viaggio spinsero il giovane naturalista a elaborare l’ardita teoria che le specie vegetali e animali non sono state create indipendentemente, ma si sono evolute nel tempo grazie a una selezione naturale del piu’ adatto nella lotta per la vita. Questa teoria minava alla radice la pretesa dell’uomo di essere stato creato a immagine e somiglianza di Dio, e faceva invece supporre una sua discendenza da qualche progenitore comune delle grandi scimmie. Il bicentenario della nascita (12 febbraio 1809) e il centocinquantenario della pubblicazione del suo capolavoro L’origine delle specie (24 novembre 1859) ci forniscono una buona occasione per avvicinarci a Darwin.

.

domenica 15 febbraio 2009

DECALOGO ( x risparmiare benzina )

.

.


La Commissione UE e l'European Petroleum Industry Association (Europia) hanno lanciato oggi la campagna Save more than fuel, allo scopo di diffondere un uso efficiente dei carburanti per il trasporto.

Sul sito dell'iniziativa, che coinvolge 28 Paesi europei e 40 compagnie petrolifere, potete trovare i 10 consigli per risparmiare benzina e per ridurre le emissioni di
CO2, adottando un comportamento di guida più responsabile.

1. Provvedi alla manutenzione dell'auto, controllando regolarmente il livello dell'olio

2. Controlla la pressione delle gomme una volta al mese

3. Elimina i pesi inutili dalla macchina

4. Chiudi i finestrini, soprattutto alle alte velocità e rimuovi il portapacchi, se inutilizzato

5. Non esagerare con l'aria climatizzata

6. Evita di riscaldare il motore con la macchina ferma e spegnilo per soste superiori ad 1 minuto

7. Guida a velocità moderata e, soprattutto, senza accelerazioni improvvise

8. Cambia marcia appena acceleri (le marce alte consentono un maggior risparmio)

9. Sforzati di anticipare i movimenti del traffico (in modo da evitare di fermarti e ripartire)

10. Prendi in considerazione il car-sharing.

Ultima notazione: come potrete verificare, i 10 consigli sono disponibili in una serie di lingue, ma non in italiano.

Almeno oggi.

Ciao.

A presto.



Si ringrazia:

- savemorethanfuel.eu

.

sabato 14 febbraio 2009

IL BACIO





- SEGNA L'INIZIO DI UN NUOVO AMORE
.
-
-
SEGNA L'INIZIO DI UN NUOVO AMORE

leggi anche : http://cipiri8.blogspot.it/
-

.
 .
 .

. .

venerdì 13 febbraio 2009

ILLUMINO MENO



.
M’ILLUMINO DI MENO 2009


Giornata del Risparmio Energetico

- 13 febbraio 2009 -

Per il quinto anno consecutivo Caterpillar lancia per il 13 febbraio 2009 M’illumino di meno, la grande giornata di mobilitazione internazionale in nome del risparmio energetico.

Dopo il successo delle passate edizioni, i conduttori Cirri e Solibello chiederanno nuovamente agli ascoltatori di dimostrare che esiste un enorme, gratuito e sotto utilizzato giacimento di energia pulita: il risparmio. L’invito rivolto a tutti è quello di spegnere luci e dispositivi elettrici non indispensabili il 13 febbraio 2009 dalle ore 18.

Nelle precedenti edizioni M’illumino di meno ha contagiato milioni di persone impegnate in un’allegra e coinvolgente gara etica di buone pratiche ambientali. Semplici cittadini, scuole, aziende, musei, gruppi multinazionali, società sportive, istituzioni, associazioni di volontariato, università, commercianti e artigiani hanno aderito, ciascuno a proprio modo, alla Giornata del Risparmio. Lo scorso anno il “silenzio energetico” coinvolse simbolicamente le piazze principali in Italia e in Europa: a Roma il Colosseo, il Pantheon, la Fontana di Trevi, il Palazzo del Quirinale, Montecitorio e Palazzo Madama, a Verona l’Arena, a Torino la Basilica di Superga, a Venezia Piazza San Marco, a Firenze Palazzo Vecchio, a Napoli il Maschio Angioino, a Bologna Piazza Maggiore, a Milano il Duomo e Piazza della Scala ma anche Parigi, Londra, Vienna, Atene, Barcellona, Dublino, Edimburgo, Sofia, Palma de Mallorca, Lubiana si sono “illuminate di meno”, come altre decine di città in Germania, in Spagna, in Inghilterra, in Romania.

Anche grazie al contributo di ANCI e ANPCI nella diffusione capillare dell’iniziativa, molte città italiane si sono mobilitate per coinvolgere i comuni gemellati all’estero: un passaparola virtuoso che ha consentito di spegnere luci davvero in ogni parte del mondo. Dopo il successo europeo dell’edizione 2008, per il 2009 vorremmo dar spazio non solo alle istituzioni ma anche ai cittadini d’Europa, invitando tutti, insegnanti, sportivi, professionisti, associazioni, a creare gemellaggi inediti tra categorie o tra singoli individui diffondendo la campagna di sensibilizzazione oltre confine.

La campagna di M’illumino di meno 2009, che ha ottenuto il patrocinio del Parlamento europeo per il secondo anno consecutivo, inizia il 12 gennaio e si protrarrà fino al 13 febbraio, dando voce al racconto delle idee più interessanti e innovative, in Italia e all’estero, per razionalizzare i consumi d’energia e di risorse, dai piccoli gesti quotidiani agli accorgimenti tecnici che ognuno può declinare a proprio modo per tagliare gli sprechi.

Sul sito è possibile aderire all’iniziativa, precisando quali iniziative concrete si metteranno in atto nel corso della giornata, in modo che le idee più interessanti e innovative servano da esempio e possano essere riprodotte. Nella sezione INNO si può scaricare il brano di Frankie HI NRG MC, colonna sonora ufficiale di M’illumino di meno, e reinterpretarlo a piacimento inviandoci il risultato delle vostre rielaborazioni.

La redazione di Caterpillar

millumino@rai.it
www.caterpillar.rai.it

.-

.
 .
 .

. .

giovedì 12 febbraio 2009

VIRUS DI S. VALENTINO

.

.
Computer Associates ha diffuso la notizia riguardante un virus pronto a scatenarsi il 14 Febbraio e i giorni limitrofi alla Festa dell'Amore sotto forma di auguri di San Valentino; si tratta di un Trojan chimato 32/Waledac nascosto in un eseguibile denominato meandyou.exe, love.exe o onlyyou.exe.

Gli innamorati di tutto il Mondo potrebbero presto ricevere sulle loro mailbox un messaggio di posta eletronica contenente un link che invita a scaricare una cartolina di auguri; naturalmente al collegamento sarà associato l'eseguibile pronto a scatenare l'azione del Cavallo di Troia.

32/Waledac si segnala per essere un malware particolarmente pericoloso, prima di tutto perché si diffonde tramite link e non tramite allegato, in secondo luogo perché, se riesce a infettare un sistema, è in grado di mettere a rischio i dati sensibili contenuti in un Pc.

.

mercoledì 11 febbraio 2009

GLI MANKA LA PAROLA ?


.
Anche i cani provano amore! Post scherzoso che ci dimostra che anche gli animali provano sentimenti!
.

.
 BUONA VISIONE ---------

.
Come anticipato dal titolo oggi incontriamo un amico speciale! Un cane di razza husky che risponde alla sua padrona con… tanto amore!!

Utilizzo questo video divertente per ricordarti che tutti gli animali, dagli affettuosi cani che ci dicono ”I love You” ai laboriosi insetti che troviamo nei campi, sono importanti per la vita del nostro pianeta e per la nostra stessa vita.

Trattiamo gli animali come compagni di viaggio alla pari su questo mondo e loro faranno altrettanto!

UN NOTO SCIENZIATO DISSE ' SE LE API KOMINCIANO A MORIRE ANKE L'UOMO E' IN PERIKOLO '

.

lunedì 9 febbraio 2009

COOPERATIVA CALCESTRUZZI

.


.
Nuova vita per la cooperativa Calcestruzzi Ericina Libera
Il calcestruzzo della legalità per combattere le mafie degli appalti

Si inaugura lunedì 9 febbraio a Trapani il nuovo corso della cooperativa Calcestruzzi Ericina Libera. L' azienda, esempio unico a livello nazionale, è un'attività confiscata alla mafia del trapanese, dal 2000 gestita in amministrazione giudiziaria e oggi resa ai siciliani: una cooperativa di sei soci, già lavoratori dell'azienda prima del sequestro, è stata costituita per ricominciare a produrre calcestruzzi.
Una giornata, quella di Lunedi' 9 febbraio, per raccontare il nuovo percorso di legalità della cooperativa. Si parte alle ore 9,30 presso l'Aula Magna Polo Universitario di Trapani-Lungomare Dante Alighieri con un convegno pubblico.
Subito dopo, alle 12,30 l'appuntamento è presso l'impianto della Calcestruzzi Ericina Libera in Via Francesco Culcasi Z.I. di Trapani per il taglio del nastro e inaugurazione del nuovo impianto di riciclaggio di inerti. Da oggi per combattere le mafie degli appalti , si costruisce con il calcestruzzo della legalità.

A raccontare il percorso fino alla completa restituzione del bene saranno tutti i protagonisti del progetto: da Libera, con Don Luigi Ciotti, a Unipol Banca e Unipol Gruppo Finanziario, che hanno dato credito alla ricostruzione, con il presidente Pierluigi Stefanini, a Renzo Pravettoni presidente dell'Anpar, oltre alle istituzioni, con il commissario straordinario di Governo per la gestione dei beni confiscati Antonio Maruccia e la partecipazione del prefetto Fulvio Sodano.

L'azienda Calcestruzzi Ericina viene confiscata definitivamente al boss Vincenzo Virga nel giugno 2000. Inizia allora un lungo e difficile percorso che, grazie all'impegno di molti, a cominciare dai lavoratori della stessa azienda, riesce oggi di dare vita a una nuova impresa sana e pulita.
Come previsto dalla legge 109 del 1996 sull'uso sociale dei beni confiscati alle mafie, i beni aziendali della Calcestruzzi Ericina vengono affidati alla cooperativa costituita dai lavoratori dell'azienda: la Calcestruzzi Ericina Libera.

Nell'area dello stabilimento di Trapani è stato realizzato, accanto alle strutture completamente rinnovate per la produzione di calcestruzzo, un impianto di riciclaggio di inerti tecnologicamente all'avanguardia per il nostro Paese. Nasce così una vera e propria filiera imprenditoriale, che consente di recuperare materiali altrimenti destinati a finire in discarica, o peggio ancora abbandonati nell'ambiente, e di trasformarli in una risorsa. È un importante risultato reso possibile dall'azione comune della Prefettura di Trapani, di forze dell'ordine e Procura della Repubblica, dell'Agenzia del Demanio e della Regione siciliana, dall'impegno costante di Libera, dal contributo di Unipol Banca e Unipol Gruppo Finanziario, di Anpar e Legacoop.
Ma anche dalla passione e dal senso di responsabilità di chi ha amministrato l'azienda per conto dello Stato e di chi ha continuato a lavorarci nonostante le difficoltà del cammino.

Oggi, la nuova azienda si candida ad avere un ruolo importante in un mercato, quello delle costruzioni, reso ancora più difficile dalla presenza invasiva delle organizzazioni mafiose. I soci della cooperativa Calcestruzzi Ericina Libera sanno di avere le carte in regola, per la qualità del loro lavoro e dei loro prodotti: da quelli ottenuti con il trattamento e il riciclaggio degli inerti, al calcestruzzo. Materiali e prodotti che hanno un valore in più: quello della legalità.

.

KARTELLO IN PIAZZA



-------------------- IO PROPORREI X UN T.S.O. --------------

.



.---------- KARTELLO KE HO VISTO IN PIAZZA - KONDIVIDO ---------

.

domenica 8 febbraio 2009

UNA VISITA CURIOSA ?



.
Newest Flag

Holy See (Vatican City State) <-----
Visited February 7, 2009

QUESTA E’ LA PROVA DI UNA VISITA DA ME RICEVUTA
DOPO IL POST SU ELIANA ENGLARO ,,,
.
TROVO KE SIA STRANA COME VISITA ........... KURIOSO ?

.

sabato 7 febbraio 2009

GIURAMENTO DEI MEDICI





.
GIURAMENTO di IPPOCRATE
Testo "classico" del Giuramento Ippocratico.

Giuro per Apollo medico e per Asclepio e per Igea e per Panacea e per tutti gli Dei e le Dee, chiamandoli a testimoni che adempirò secondo le mie forze e il mio giudizio questo giuramento e questo patto scritto. Terrò chi mi ha insegnato quest' arte in conto di genitore e dividerò con Lui i miei beni, e se avrà bisogno lo metterò a parte dei miei averi in cambio del debito contratto con Lui, e considerò i suoi figli come fratelli, e insegnerò loro quest'arte se vorranno apprenderla, senza richiedere compensi né patti scritti. Metterò a parte dei precetti e degli insegnamenti orali e di tutto ciò che ho appreso i miei figli del mio maestro e i discepoli che avranno sottoscritto il patto e prestato il giuramento medico e nessun altro. Scegliero' il regime per il bene dei malati secondo le mie forze e il mio giudizio, e mi asterrò dal recar danno e offesa. Non somministerò a nessuno, neppure se richiesto, alcun farmaco mortale, e non prenderò mai un' iniziativa del genere; e neppure fornirò mai a una donna un mezzo per procurare l'aborto. Conserverò pia e pura la mia vita e la mia arte. Non opererò neppure chi soffre di mal della pietra, ma cederò il posto a chi è esperto di questa pratica. In tutte le case che visiterò entrerò per il bene dei malati, astenendomi ad ogni offesa e da ogni danno volontario, e soprattutto da atti sessuali sul corpo delle donne e degli uomini, sia liberi che schiavi. Tutto ciò ch'io vedrò e ascolterò nell'esercizio della mia professione, o anche al di fuori della della professione nei miei contatti con gli uomini, e che non dev'essere riferito ad altri, lo tacerò considerando la cosa segreta. Se adempirò a questo giuramento e non lo tradirò, possa io godere dei frutti della vita e dell' arte, stimato in perpetuo da tutti gli uomini; se lo trasgredirò e spergiurerò, possa toccarmi tutto il contrario.

GIURAMENTO
Testo "moderno"

Consapevole dell' importanza e della solennità dell' atto che compito e dell' impegno che assumo, giuro: di esercitare la medicina in libertà e indipendenza di giudizio e di comportamento; di perseguire come scopi esclusivi la difesa della vita, la tutela della salute fisica e psichica dell' uomo e il sollievo della sofferenza, cui ispirerò con responsabilità e costante impegno scientifico, culturale e sociale, ogni mio atto professionale; di non compiere mai atti idonei a provocare deliberatamente la morte di un paziente; di attenermi alla mia attività ai principi etici della solidarietà umana, contro i quali, nel rispetto della vita e della persona, non utilizzerò mai le mie conoscenze; di prestare la mia opera con diligenza, perizia, e prudenza secondo scienza e coscienza ed osservando le norme deontologiche che regolano l'esercizio della medicina e quelle giuridiche che non risultino in contrasto con gli scopi della mia professione; di affidare la mia reputazione esclusivamente alla mia capacità professionale ed alle mie doti morali; di evitare, anche al di fuori dell' esercizio professionale, ogni atto e comportamento che possano ledere il prestigio e la dignità della professione. Di rispettare i colleghi anche in caso di contrasto di opinioni; di curare tutti i miei pazienti con eguale scrupolo e impegno indipendentemente dai sentimenti che essi mi ispirano e prescindendo da ogni differenza di razza, religione, nazionalità condizione sociale e ideologia politica; di prestare assistenza d' urgenza a qualsiasi infermo che ne abbisogni e di mettermi, in caso di pubblica calamità a disposizione dell'Autorità competente; di rispettare e facilitare in ogni caso il diritto del malato alla libera scelta del suo medico, tenuto conto che il rapporto tra medico e paziente è fondato sulla fiducia e in ogni caso sul reciproco rispetto; di osservare il segreto su tutto ciò che mi è confidato, che vedo o che ho veduto, inteso o intuito nell' esercizio della mia professione o in ragione del mio stato; di astenermi dall' "accanimento" diagnostico e terapeutico.

.

venerdì 6 febbraio 2009

LE BUGIE SUL CASO ENGLARO

.


.

LE BUGIE DEL CASO ENGLARO
da l'Unità (di Luca Landò)

1. «Eluana soffrirà» ---> NO
Il cervello di Eluana è stato irrimediabilmente compromesso la notte del 18 gennaio 1992 quando la sua auto slittò sul terreno ghiacciato e andò a sbattere contro un muro. L’incidente lasciò intatte le parti del cervello che controllano le funzioni fisiologiche primarie, come la respirazione e il battito cardiaco, che si trovano nel cosiddetto tronco encefalico. I danni più gravi riguardarono invece la corteccia cerebrale, una sorta di “cuffia” che avvolge il cervello e nella quale vengono elaborate funzioni più complesse come la parola, la visione, la percezione del dolore ma anche la fame e la sete. Quando i medici della clinica di Udine inizieranno a ridurre progressivamente l’idratazione e l’alimentazione artificiale, Eluana non si accorgerà di nulla, così come è da 17 anni che non avverte né fame, né sete, né dolore.

2. «Potrebbe risvegliarsi» ---> NO
Dire che Eluana si possa riprendere dalla situazione in cui si trova (stato vegetativo permanente) è come dire che il treno su cui viaggiamo deraglierà sicuramente o che la casa in cui ci troviamo crollerà tra cinque minuti: tutto è possibile, ma le probabilità che simili eventi accadano sono talmente basse da non poter essere prese in considerazione ai fini delle nostre decisioni (altrimenti non viaggeremmo sui treni o non abiteremmo dentro case).

3. «È come Terry Schiavo» --> NO
Eluana è stata definita la Terry Schiavo italiana, con riferimento alla giovane americana su cui si è accesa una violenta battaglia giuridica. Come scrive Maurizio Mori nel suo libro («Il caso Eluana Englaro», Pendragon Editore), «l’analogia è corretta per quanto riguarda l’aspetto clinico (in entrambi i casi si parla di stato vegetativo permanente), è invece sbagliata per quanto riguarda i risvolti giuridici». La vicenda di Terri Schiavo divenne una “caso” per via della fortissima divergenza tra i famigliari. Il marito asseriva che lei non avrebbe mai voluto restare in stato vegetativo e chiedeva la sospensione dell’alimentazione e idratazione artificiali; al contrario, il padre, la madre e il fratello della donna sostenevano che quella non era la volontà di Terri.
«Il caso Eluana - ricorda Mori, che ben conosce la famiglia - non ha mai presentato alcun contrasto tra i famigliari. Anzi, la situazione è diametralmente opposta: i genitori Englaro sono perfettamente concordi circa la sospensione dei trattamenti».
Il caso Terri Schiavo, semmai, insegna un’altra cosa: l’autopsia eseguita subito dopo la morte della donna rivelò che il cervello si era irrimediabilmente atrofizzato al punto da pesare soltanto 615 grammi (circa la metà del normale). Quell’esame stabilì senza ombra di dubbio che le sue condizioni erano «irreversibili e che nessun tipo di terapia o cura riabilitativa avrebbero potuto cambiare le cose», come disse il dottor John R. Thogmartin, patologo del sesto distretto giudiziario della Florida che condusse l’autopsia.

4. «Morirà di sete» --> NO
Dicono: interrompere l’idratazione e l’alimentazione artificiale ad Eluana è come togliere il pane e l’acqua a una persona. L’analogia fa effetto ma è sbagliata: si tratta infatti di trattamenti sanitari che richiedono un intervento del medico sia per quanto la modalità di somministrazione (nel caso di Eluana un sondino nasogastrico) sia per il tipo sostanze inserite (non un frullato di frutta preparato in cucina ma una miscela di proteine, vitamine e quant’altro indicate dietro rigorosa prescrizione medica). Se si decide di interrompere ogni forma di accanimento terapeutico, come in questo caso, è giusto sospendere anche questi trattamenti artificiali.

5. «È un omicidio» --> NO
Maurizio Gasparri, presidente dei Senatori PdL, ha detto ieri che «è iniziato l’omicidio di Eluana», frase che si accompagna a quella di Enrico La Loggia, vicepresidente del Gruppo PdL alla Camera («A Udine si sta per compiere un vero e proprio omicidio») e a quella del cardinale Barragan («Fermate quella mano assassina»). Infine l’associazione cattolica «Scienza & Vita», lo scorso anno, ha lanciato un appello che iniziava con queste parole: No alla prima esecuzione capitale della storia repubblicana».
Prima di usare simili espressioni, pronunciate al solo scopo di stimolare emozioni e attirare attenzione, sarebbe bene riflettere su alcuni punti:
1) l’articolo 32 della Costituzione dice che «Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario» e che «La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana». Proprio di recente, una donna a cui si è prospettata la necessità di amputare un arto, ha deciso di rifiutare l’intervento anche se questa scelta le è costata la vita;
2) il padre di Eluana ha percorso tutto l’iter del nostro sistema giudiziario prima di ottenere l’autorizzazione a interrompere i trattamenti artificiali di alimentazione e idratazione che da 17 anni tengono in vita il corpo di Eluana. I giudici hanno riconosciuto: a) che il padre ha svolto il ruolo di tutore delle volontà della figlia (che non avrebbe voluto vivere in condizioni di stato vegetativo); b ) che i trattamenti artificiali di alimentazione e idratazione sono trattamenti medici e, come tali, rientrano in questo caso nella fattispecie di accanimento terapeutico
3) l’omicidio, il più grave dei reati, è punito con le pene più alte: il medico che interrompe, dietro volontà del paziente o del suo tutore, una situazione di accanimento terapeutico non è punito dalla legge; al contrario, lo sarebbe se si ostinasse a curare il paziente contro la sua volontà (abuso di ufficio).
4) a parte la scelta di ignorare il dramma di una famiglia (ma anche quello di altre 2500 nella stessa condizione) gli esponenti di Scienza & Vita hanno deciso di non riconoscere la figura dei giudici della Corte di Appello e della Corte di Cassazione che hanno sentenziato sul caso Englaro. La condanna capitale in Italia è infatti vietata dalla Costituzione (art. 27): cosa intendevano sostenere gli autori dell’appello, che in Italia i giudici non rispettano la Costituzione?

6. «Si tratta di eutanasia» --> NO
La Cei ha detto ieri che «togliere idratazione e alimentazione ad Eluana è eutanasia».
Va notato come nella frase, ripresa dalle agenzie, manchi l’aggettivo “artificiale”: come spiegato sopra, l’alimentazione e l’idratazione artificiali sono, in questo caso, trattamenti sanitari e, dunque, da interrompere per volontà del padre che, come riconosciuto dalla legge, rappresenta quella della figlia. L’eutanasia viene praticata in alcuni Paesi, l’Olanda ad esempio, per alleviare le sofferenze di pazienti terminali. La morte viene indotta con la somministrazione, prima di un sedativo, poi di una sostanza che blocca il battito cardiaco o interrompe la respirazione: è dunque un intervento attivo che viene effettuato dietro volontà del paziente e dopo la decisione di un giudice. Eluana non è una paziente terminale: non ha un male che la consuma giorno dopo giorno. Nessuno, inoltre, ha mai parlato di interrompere il suo battito cardiaco ricorrendo a farmaci. Eluana si trova invece in una situazione vegetativa permanente che si protrae nel tempo solo per i trattamenti di idratazione e alimentazione artificiali. Secondo quanto detto dal padre e dai giudici dopo 12 anni di valutazione del caso, questi trattamenti sono stati sempre effettuati contro la sua volontà.

.
LASCIATELA VOLARE VIA

.Eluana Englaro è morta
dopo 17 anni di coma
dal nostro inviato PIERO COLAPRICO

UDINE - Eluana Englaro è morta questa sera intorno alle 20.10, in quella stanza della clinica la Quiete che sembrava diventata il crocevia di mille perizie. Sono sopraggiunte complicazioni e problemi nel pomeriggio. Da quattro giorni era stata sospesa l'alimentazione.

I genitori non erano presenti. Il padre è stato avvisato dal medico, il dottor Amato De Monte. Beppino Englaro si trovava a Lecco, dove domani doveva partecipare a un processo. Gli volevano togliere la patria potestà.

La conferma della morte di Eluana Englaro è arrivata anche dalla presidente della Quiete, Ines Domenicali. "E' morta, non so dire l'ora. Non chiedetemi altro".

(9 febbraio 2009)
.

GIOCATTOLO ECOLOGICO

.


.
Ecco un meraviglioso giocattolo ecologico per i più piccoli prodotto dalla svizzera Naef. Questo é il primo sidecar solare al mondo progettato da Peter Wüthrich, dal design raffinato. Realizzato in legno d’acero e rivestito con con pitture non tossiche, é disponibile in vari colori . Per muoversi ha bisogno di 0.7 watt di energia solare. Perchè non produrne altri di questi giocattoli geniali (oltre che durevoli e sicuri per i nostri piccoli)?

.

giovedì 5 febbraio 2009

SENO ( ANTISTRESS )


Navigando come faccio spesso entrando in un sito offrivano in vendita una tetta, invogliando l’acquisto descrivendo il prodotto: "Cosa c’è di più rilassante che massaggiare un bel seno? Questa tetta antistress sarà la tua compagna fedele contro le noie di tutti i giorni! Ogni volta che ti senti nervoso stringila”.




Dico cosa ci può essere di più deprimente acquistare questo oggetto e usarlo

Mentre posto queste righe mi viene da ridere immaginate uno al PC con una mano scrive e con l’altra massaggia la tetta .


"Tetta antistress diametro 7 cm. ottima idea per regalare a chi è un pò stressato...

oppure per rilassarsi un po!

AVVERTENZE: se inizi, poi non la smetti più!

Quando si sporca potete lavarla con il sapone e ritorna bella come nuova.

SEI STRESSATO O HAI QUALCHE AMICO STRESSATO??

è IL REGALO Perfetto CHE FA PER VOI!!!

DA TOCCARE, PREMERE, SCHIACCIARE...

CANCELLA IN UN ATTIMO IL TUO STRESS

CON UN TOCCO DI BUON UMORE!!!"

TROVATA GENIALE ?


LEGGI ANCHE 

http://cipiri2.blogspot.it/2015/03/vedere-i-seni-delle-donne-allunga-la.html


Donne non vi offendete ma la dottoressa K. W. ha recentemente dimostrato che guardare i SENI in movimento per 10 minuti al giorno può allungare la vita dell’uomo anche di 5 anni.


.LEGGI ANCHE ...

-
.
.

IL SITO MUNDIMAGO E' ECOLOGICO
.


SESSO E ZODIACO

Conosci la personalita' di
ogni segno zodiacale
per capire la sua

SENSUALITA'


.



















LEGGI ANCHE




.

 Ecco la Pagina dei PIANETI 

del Nostro Sistema Solare 




.


.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

FEED

Subscribe

MI PIACE

Share

Post più popolari

Elenco Blog AMICI

  • Perché l'olio di palma fa male - Leggere tra gli ingredienti di un alimento confezionato il nome di un olio vegetale rassicura e lascia che l'assonanza vegetale-naturale-salutare faccia ...
    1 settimana fa
  • Meglio https per il Tuo Url - *ATTENZIONE! * *Mentre sei su FB, guarda il tuo indirizzo URL in alto. * *Se vedi "http:"invece di "https:" allora tu NON hai una sessione protetta e può ...
    1 settimana fa
  • ESOPIANETI - L’annuncio della scoperta degli esopianeti è una delle notizie scientifiche più importanti degli ultimi anni. I sette nuovi esopianeti, con dimensioni p...
    3 settimane fa
  • REDDITO di INCLUSIONE - *REDDITO di INCLUSIONE: * *CHE COSA E’ e a CHI SPETTA* *Approvata una misura di sostegno alle famiglie sotto la soglia* *di povertà. A ciascun nucleo aven...
    3 settimane fa
  • Festa del Papà - *Per la Festa del Papà ,* *Fai un Regalo Intelligente,* *un Cofanetto di Legno che contiene* * il Mazzo di Nuovissime Carte Imago ,* *un Gioco Ludico ed in...
    5 settimane fa
  • 8 Marzo : Giornata Internazionale dell’Operaia - *Donne in sciopero, dentro e fuori le mura domestiche* *Sarà un gran giorno, l’8 marzo 2017. Sulla base dello slogan “Se la mia vita non vale, io sciope...
    1 mese fa
  • M'illumino di meno 2017 - Il 24 febbraio 2017 torna M’illumino di Meno, tredicesima edizione. Caterpillar è in diretta dalle 18.00 alle 20.00 - RADIO RAI2 per seguire gli spegniment...
    2 mesi fa

PACE

PACE
PACE

emergency

Google+ Badge

Informazioni personali

La mia foto

Creo siti internet e blog personalizzati a prezzi modici e ben indicizzati - http://www.cipiri.com/